Monumenti moderni

Il museo della Torre Botsari
Torre BotsariL'imponente edificio di carattere di fortezza situato a nord della Piaza del porto, è vicino alla porta occidentale del castello. E 'stato costruito in due fasi nel corso dei secoli XV e XVI ed è stata la prima sede del governatore veneziano (providetor) e della diocese latina e poi dei funzionari della città. Dopo la liberazione di Lepanto, nel 1829 è venuto in possesso di generale Notis Botsaris e da allora è conosciuta come la Torre Botsari. Oggi la Torre appartiene al fondamento di Demetrios e Aegli Botsari e nelle sue gallerie si ospita una mostra peremanente sulla battaglia di Lepanto (1571): Armature spagnole, bandiere e striscioni dei paesi partecipanti e repliche di opere di famosi pittori che sono espositi nei musei in Europa e hanno per tema le rappresentazioni della battaglia, anche dei miniature de navi da guerra del quello tempo.
La torre è aperta ogni giorno da 9 alle 1. Tel. 2634029779

La "torre" Tzavella
Situato nella seconda zona di difesa a partire del mare, nel quartiere Visir Djami, è una casa a due piani in pietra, tipica dell'architettura tradizionale del tardo periodo ottomano. E 'stata la residenza della famiglia Tzavella, uno dei quali, Nikolas, fu anche il primo sindaco della città liberata. Si tratta di un monumento che si protetta uffizialmente dello Stato Greco ed è stato restaurato e ospita la Eforia XXII de antichità bizantine.

Il Museo Farmaki dei reliquiae di 1821
Alla piazza Farmaki nel centro della città è un privato "museo dei reliquie di 1821-Farmaki." Ospita una mostra permanente di oggetti della famiglia Farmaki: uniformi, armi, medaglie e cimeli della guerra di liberazione del 1821, con la figura centrale del capo importante de Kravara Giovanni Farmakis.
Τel. 26340-27084
Il Orologio
   Il orologio Uno dei molti punti di riferimento architettonici della città, riconoscibile da tutti abitanti di Naupaktos, è il Orologio, costruito nel 1914 su uno dei bastioni della seconda zona di difesa del castello da parte dello vescovo Metropolitano Serafino Domvoitis. Il punto in cui è costruito è una bella vista sul Golfo di Corinto.
Lo Stenopazaro
Sopra il porto si trova una strada asfaltata con edifici a due piani, che un tempo era il mercato principale della città, conosciuta come Stenopazaro. Oggi molte delle antiche botteghe e taverne sono stati trasformati in bar e ristoranti con specialità locali. Il tragitto fino a Stenopazaro attrae molti turisti. Alla fine della strada si trova il palazzo di scrittore e politico, nativo di Lepanto, Georgios Athanasiadis Novas con giardini fioriti impressionanti che lo circondano.

Regione di Grecia Occidentale
ESPA logo
Progetto co-finanziato dall'Unione Europea - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
ESPA logo